Dipartimento di Scienza della terra e dell'ambiente

Contenuti del sito

Menu di navigazione - Torna all'inizio


Contenuto della pagina - Torna all'inizio


Riserva Naturale Integrale Bosco Siro Negri

La Riserva Naturale Integrale “Bosco Siro Negri” in Zerbolò (PV) è stata costituita grazie a una donazione a favore dell’Università degli Studi di Pavia da parte del Sig. Giuseppe Negri nel 1967 in memoria del fratello Siro.
L’area è diventata Riserva Naturale Integrale con Atto di istituzione della Riserva da parte dell’Ateneo nel 1970 (Anno Europeo per la Conservazione della Natura). La Riserva è stata posta sotto controllo dell’allora Ministero dell’Agricoltura e Foreste” nel 1973.
Nell’atto di accettazione della Donazione si dispone che il terreno che costituirà la Riserva venga “affidato alle cure del Direttore dell’Istituto ed Orto Botanico, con l’impegno a mantenerlo nello stato naturale in cui si trova, affinché, come tale sia destinato ad esclusivi fini didattici e scientifici”.
Nel corso dell’evoluzione organizzativa dell’Ateneo, l’Istituto di Botanica è ora stato sostituito a partire dal 2011 nel “Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente”, titolare delle competenze di Botanica ambientale e applicata e di Botanica sistematica.
La Riserva è situata lungo il corso del fiume Ticino, in sponda destra, a una quindicina di chilometri dalla città di Pavia; si colloca per la maggior parte nel comune Zerbolò e, per una piccola porzione, nel comune di Torre d’Isola. L’estensione iniziale della Riserva era di quasi 11 ettari ma nel corso dei decenni l’area è diminuita di almeno 2 ettari per l’erosione da parte del fiume Ticino. Un primo ampliamento
della Riserva è avvenuto nel 2008 e l’estensione effettiva acquistata è di circa 5,93 ha.
Il secondo ampliamento è stato realizzato nel 2014 e l’estensione aggiunta è di circa 1,79 ha. L’Università di Pavia possiede quindi attualmente circa 16,7 ha.
La Riserva ospita un piccolo lembo superstite di foresta planiziale padana caratterizzata da una sospensione totale di tutte le attività di gestione fin dalla fine della II Guerra mondiale ed è una foresta di latifoglie miste dominata da farnia, pioppo nero, acero campestre, pioppo bianco, olmo minore, robinia, ecc.
La Riserva Naturale Bosco Siro Negri essendo una riserva integrale non è destinata alla visita da parte del pubblico, ma alla conservazione della vegetazione forestale spontanea della pianura e delle relative specie in-situ, cioè la dove esse naturalmente esistono. Le uniche attività sono quelle di ricerca scientifica dedicate ad es. a temi quali struttura orizzontale e verticale della vegetazione, dinamismo della vegetazione, ecofisiologia delle specie forestali, ecologia forestale, evoluzione della dendromassa a terra, dendroecologia , pedologia, radiochimica del suolo, micologia, lichenologia, zoologia dei vertebrati e degli invertebrati.
La necessità di presentare questo patrimonio naturalistico e l'insieme di dati derivanti dalle ricerche valorizzandoli a livello didattico-divulgativo ha condotto alla creazione del "Centro didattico divulgativo della Riserva Naturale Integrale Bosco Siro Negri" ospitato presso l'Orto Botanico.