Dipartimento di Scienza della terra e dell'ambiente

Contenuti del sito

Menu di navigazione - Torna all'inizio


Contenuto della pagina - Torna all'inizio


Laboratorio di Acque Interne

RESPONSABILE: Roberto Sacchi

UBICAZIONE: Via Taramelli 24

http://www-3.unipv.it/acquint/


          

Il laboratorio di Acque interne del Dipartimento di Scienze della Terra e dell'Ambiente dell'Università di Pavia è attrezzato per:

• analisi della qualità delle acque interne sia di tipo chimico/fisico sia di tipo biologico in linea con le richieste della direttiva europea WFD (Water Framework directive 2000/60/CE). Le strumentazioni di cui disponiamo (stereomicroscopi, microscopi ottici, strumentazione ottica e digitale per morfometria geometrica, colorimetro, spettrofotometro, sonde multiparametriche, datalogger di temperatura e di pressione, flussometro) permettono di misurare: parametri chimico-fisici delle acque (ossigeno disciolto, durezza, conducibilità, cloro, temperatura, portata), qualità delle acque tramite l'analisi della comunità di macroinvertebrati e diatomee, grado di funzionalità fluviale tramite IFF

• analisi delle comunità ittiche di fiumi e torrenti finalizzate alla gestione della pesca e alla realizzazioni di interventi di miglioramento ambientale, specialmente in relazione alla mobilità delle specie lungo l'asta fluviale. Le attrezzature disponibili (retini immanicati per macroinvertebrati, PIT-tag e antenne di lettura, GPS, elettrostorditori, reti e nasse per campionamenti della fauna acquatica, congelatori, vasche e acquari e aeratori per la stabulazione in laboratorio) permettono di realizzare: campionamenti ittici per la definizione della composizione dei popolamenti, analisi scalimetriche per la definizione della struttura demografica dei popolamenti ittici, carte tematiche e mappe di idoneità ambientale mediante utilizzo sistemi informatici geografici, (GIS) e modelli di nicchia ecologica (ENM, SPD), analisi degli habitat torrentizi e fluviali anche mediante lo studio dei mesohabitat, valutazioni degli effetti di sbarramenti, captazioni e derivazioni delle acque.
 
• monitoraggi dell'erpetofauna per la valutazione dello stato di conservazione delle popolazioni di anfibi e rettili e la realizzazione di interventi di miglioramento ambientale. Le competenze in essere permettono di realizzare: monitoraggi e stima della consistenza delle popolazioni, mappe di idoneità ambientale, ricerche di ecologia e biologia riproduttiva, interventi di miglioramento ambientale, progettazione di pozze e stagni per anfibi e programmi di reintroduzione e traslocazione.

- Invia l'articolo ad un amico: