Dipartimento di Scienza della terra e dell'ambiente

Contenuti del sito

Menu di navigazione - Torna all'inizio


Contenuto della pagina - Torna all'inizio


Consegna diplomi per i dottorandi NASSTEC

NASSTEC ha lo scopo di specializzare 11 studenti di dottorato e 1 ricercatore allo studio dei semi delle specie spontanee, facendo particolare attenzione alle problematiche di conservazione e uso in azioni di recupero e mitigazione ambientale. Il progetto presenta una forte connessione tra settore pubblico e privato, includendo tra i partner aziende private, università e centri di ricerca. Tra i punti chiave di NASSTEC vi è lo sviluppo di una scuola europea multidisciplinare di dottorato, che ha lo scopo di integrare conoscenze di botanica, genetica, biologia molecolare, tassonomia, ecologia, biologia dei semi, conservazione delle piante, scienze agronomiche e orticoltura. Queste conoscenze verranno trasferite alle industrie, contribuendo pertanto alla EU bio-economy.
L’uso di specie vegetali spontanee in azioni di riqualificazione ambientale è una pratica oggi riconosciuta cruciale per la conservazione della biodiversità. Tuttavia, alcuni problemi legati (per esempio) alla variabilità delle risposte germinative e di vitalità dei semi delle piante spontanee, rendono difficile l’uso di questo materiale. La ricerca sviluppata in NASSTEC contribuirà a colmare queste lacune, producendo dati sugli aspetti biologici ed ecologici più critici delle piante spontanee e suggerendo le strategie migliori per ottimizzarne l’uso e la diffusione. Contemporaneamente, i partner industriali metteranno a disposizione la loro esperienza in ambito produttivo, intervenendo sugli aspetti più tecnici e pratici. La sfida di questo progetto è quella di facilitare il dialogo e il trasferimento di conoscenze tra industrie e mondo accademico, al fine di superare gli ostacoli che fin ora impediscono l’uso e la produzione a larga scala di sementi selvatiche di alta qualità per il recupero degli ecosistemi degradati. Tutto questo è realizzato attraverso attività di ricerca e divulgazione, ma soprattutto creando una rete europea dove i soggetti interessati ai semi delle piante spontanee possano trovarsi ed interagire. NASSTEC include 7 membri (più 8 membri associati) da 4 Paesi Europei. Il programma scientifico presenta 12 argomenti di ricerca, articolati in 3 sottoprogrammi: a) scelta delle specie; b) caratterizzazione biologica ed ecologica dei semi; c) produzione e distribuzione dei semi. Maggiori info: http://www.nasstec.eu/

Tipo di finanziamento

VII Programma Quadro dell’Unione Europea 2007/2013 – programma specifico “Marie Curie Multi-partner Initial Training Network (ITN).

Gruppo di ricerca

- MUSE – Museo delle scienze di Trento (Coordinatore del progetto; responsabile: dr. Costantino Bonomi; dottorandi: Holly Abbandonato, Emma Ladoucer)
- Università degli Studi di Pavia (responsabile: dr. Andrea Mondoni; dottorandi: Malaka Wijayasinghe, Maria Tudela Isanta)
- Royal Botanic Gardens, Kew, UK (responsabile: dr. Hugh Pritchard; dottorandi: Cristina Blandino, António da Costa Teixeira)
- James Hutton Institute, UK (responsabile: dr. Pietro Iannetta; dottoranda: Erica dello Jacovo)
- Scotia Seeds, UK (responsabile: Giles Laverack; dottoranda: Maria Marin)
- Semillas Silvestres (responsabile: Candido Galvez; dottoranda: Stephanie Frischie, Matìas Hernàndez Gonzàlez)
- Syngenta (responsabile: Frank Lanfermeijer; dottoranda: Laura López del Egido)


Documentazione